Poli Innovativi Per L'infanzia, Imminenti I Concorsi Di Progettazione

Poli innovativi per l’infanzia, imminenti i concorsi di progettazione

05/07/2019 – Saranno tre comuni pugliesi – Bari, Altamura e Capurso – i primi in Italia a bandire i concorsi di progettazione per i poli innovativi per l’infanzia, le strutture dedicate ai bambini da 0 a 6 anni.
 

Poli innovativi per l’infanzia, a breve i concorsi in Puglia

“Manca davvero poco alla pubblicazione dei bandi” ha scritto qualche giorno il consigliere regionale Enzo Colonna in una nota, aggiungendo che Bari e Capurso hanno completato l’iter amministrativo e, nei prossimi giorni, pubblicheranno i bandi di concorso.
 
Ad Altamura la Giunta comunale ha approvato il documento programmatico preliminare (DPP) alla progettazione, provvedimento che consentirà l’adozione e la pubblicazione del bando di concorso per la progettazione.
 
“Si tratta – spiega Colonna – di procedure e atti che stanno dando attuazione al protocollo d’intesa siglato lo scorso dicembre tra la Regione e i tre Comuni selezionati, previo avviso pubblico, dall’Assessorato regionale all’Istruzione guidato da Sebastiano Leo all’inizio del 2018, in attuazione dell’iniziativa del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca (Miur) su scala nazionale, che assegnava alla nostra Regione risorse complessive pari a 9.687.832,54 euro per la realizzazione di innovative strutture dedicate ai bambini fino a 6 anni”.
 
“In base al protocollo d’intesa – aggiunge Colonna -, la Regione ha riconosciuto ai tre Comuni un contributo pari a 70 mila euro ciascuno, destinato proprio alla predisposizione e alla gestione di tutta la procedura concorsuale, al fine di garantire elevati standard di qualità e la più ampia partecipazione nella fase di ideazione e progettazione degli interventi”.
 
“Il nostro obiettivo – sottolinea il consigliere – era quello, per un verso, di assicurare un’elevata qualità progettuale dei nuovi Poli, in coerenza con la legge regionale a sostegno della qualità delle opere di architettura e di trasformazione del territorio (LR 14/2008) e, per l’altro, di favorire la più ampia partecipazione nella fase di ideazione degli interventi, mediante il ricorso allo strumento del concorso di progettazione”.

“In attuazione di questo disegno regionale, ora siamo giunti alla fase della pubblicazione dei tre concorsi di progettazione (quindi, concorsi con riserva di aggiudicazione dei servizi di progettazione al vincitore)”.
 

Poli innovativi per l’infanzia: la storia dell’iniziativa 

Ricordiamo che i poli innovativi per l’infanzia (edifici innovativi, sia dal punto di vista tecnologico che didattico, per l’istruzione dei bimbi da 0 a 6 anni) sono previsti dal Dlgs 65/2017 attuativo della Legge per la Buona Scuola, la loro costruzione è finanziata dall’Inail con 150 milioni di euro per il triennio 2018/2020.
 
Nel novembre 2017, i 150 milioni di euro sono stati ripartiti tra le Regioni che, dopo aver attivato i bandi per la selezione delle aree comunali, hanno trasmesso al Ministero i siti selezionati.
 
A questo punto il Miur avrebbe dovuto bandire un concorso nazionale di idee (con una procedura simile a quella del concorso ‘Scuole Innovative’) per selezionare i progetti  vincitori. Poi i Comuni proprietari delle aree oggetto di intervento avrebbero potuto affidare i successivi livelli di progettazione ai vincitori del concorso.
 
Invece, a settembre 2018 il Miur ha cambiato idea e ha lasciato ai Comuni il compito di occuparsi della progettazione dei poli innovativi per l’infanzia. I Comuni possono gestire la progettazione come meglio credono: avvalendosi dei tecnici comunali o di progettisti esterni individuati attraverso una gara d’appalto, oppure scegliere la formula del concorso di progettazione, come ha fatto la Puglia.
 Fonte: https://www.edilportale.com/news/2019/07/progettazione/poli-innovativi-per-l-infanzia-imminenti-i-concorsi-di-progettazione_71346_17.html