Riscaldamento e ACS con pompa di calore mantenendo l’impianto esistente

Sorry, this entry is only available in IT.

“Le pompe di calore saranno protagoniste della transizione energetica, c’è una forte spinta al loro utilizzo perché riescono a garantire una buona quota parte di energia rinnovabile rispetto alle tecnologie basate sulla combustione fossile”,. Lo ha detto l’ing. Davide Corrado, product manager, durante il LiveTalks che si è tenuto ieri in diretta streaming e organizzato in collaborazione con Samsung Climate Solutions.

Secondo le stime attuali, si prevede che entro il 2025 saranno installate 10 mln di pompe di calore, fino a toccare quota 30 mln nel 2030.

Se l’installazione di pompe di calore elettriche è ormai una scelta di routine nelle nuove costruzioni cosa accade nell’ambito delle ristrutturazioni residenziali?

“Dipende dal singolo caso”, ha detto l’ing. Corrado. Talvolta è possibile sostituire solo il generatore mantenendo l’impianto esistente altre volte questo non è possibile. Ci sono molteplici fattori e variabili che il progettista deve valutare sia in fase di sopralluogo, trattandosi di una ristrutturazione, che di progettazione.

Variabili di cui tener conto

“Non è un semplice Plug and Play”, ha sottolineato lo speaker, “il solo caso in cui si può fare una sostituzione diretta è quando è già presente una PdC, in tutti gli altri casi bisogna considerare attentamente:
– la tipologia di impianto; se è solo un impianto di riscaldamento, solo un impianto per la produzione dell’acqua calda sanitaria (ACS), un impianto misto riscaldamento + ACS, di quante zone è composto;
– la componentistica dell’impianto;
– l’involucro dell’edificio, se è isolante oppure no.
Solo in questo modo si potrà elaborare e proporre all’utente finale la soluzione ottimale”.

È risaputo che il pannello radiante a bassa temperatura è il sistema di distribuzione del calore più idoneo alle pompe di calore. Ma nell’ambito di una ristrutturazione la realizzazione di un pavimento radiante non è sempre possibile, per molteplici fattori.

Durante il talk è stata presentata la soluzione Samsung Climate Solutions che consente di sostituire il vecchio generatore con una tecnologia di nuova generazione come la PdC senza stravolgere tutto l’impianto esistente e quindi gli interni della propria abitazione.

Si tratta di  EHS Mono HT Quiet.

Questa pompa di calore, dal design elegante e ricercato, è una soluzione di climatizzazione resistente nel tempo, che combina funzionalità avanzate e nuove tecnologie per raggiungere una temperatura dell’acqua calda fino a 70° C e livelli di rumorosità di appena 35 dB(A) certificata Quiet Mark.

EHS Mono HT Quiet è in grado di garantire il 100% delle prestazioni di riscaldamento anche in condizioni climatiche estreme (con temperature fino a -25 °C e +43 °C). Inoltre, l’installazione e la manutenzione dell’unità si eseguono facilmente.

È dotata di un nuovo compressore scroll, che comprime i gas refrigeranti a pressioni molto più elevate e di una tecnologia “Flash Injection” che, a sua volta, aumenta la portata del gas refrigerante.

L’ing. Corrado ha mostrato esempi pratici sulla sostituzione del vecchio generatore con la PdC, che è possibile riascoltare cliccando QUI.

Fonte